AREA PAZIENTI

In questa sezione puoi rivolgere una domanda ai medici. La domanda verrà sottoposta al controllo dei moderatori del sito, e successivamente sarà pubblicata la risposta. Non è possibile continuare lo scambio dopo la pubblicazione della risposta, se ritieni di aver bisogno di un colloquio più approfondito, utilizza gli altri metodi di comunicazione (email, telefono) per contattare direttamente uno dei medici del comitato tecnico scientifico.

Dott.ssa Elena Sieni: elena.sieni@meyer.it
Dott. Maurizio Aricò: maurizio.arico@villasofia.it
Dott.ssa Emanuela De Juli: emanuela.dejuli@ospedaleniguarda.it
Dott.ssa Emanuela Passoni: emanuela.passoni@policlinico.mi.it

Pubblichiamo anche l'"archivio storico" delle e-mail pervenute all'Airi a partire dal 2006 alle quali il dott. Maurizio Aricò ha risposto con la generosità che lo ha caratterizzato in tutti gli anni di collaborazione con la nostra associazione. Credo sia superfluo sottolineare la grande importanza storica e clinica di questo archivio che viene riattivato per i nuovi quesiti che vorrete porre ai medici del nostro Comitato Scientifico (dott. Maurizio Aricò, dott.ssa Elena Sieni, dott.ssa Emanuela De Juli, dott.ssa Emanuela Passoni)


Inizio < Pagina 20 di 28> Fine

25-10-2006 12:05

ho la milza ingrossata cm.

ho la milza ingrossata cm. 17 è pericoloso ? cosa può essere accaduto? si può curare ?
Risposta:

Di per se' non vuol duire nulla. va valutata nell'insieme del quadro clinico, dal suo medico. Vorrei sapere se la milza è un organo che si rigenera... Da un pezzetto di milza rimasto dopo la quasi totale eliminazione,è possibile che questo pezzo si rigeneri? Puo' capitare a volte, non e' un problema!

25-10-2006 12:05

tumore milza

C.A. Dott. Aricò, se le fosse possibile vorrei maggiori informazioni se nel campo veterinario gli organi si comportano allo stesso modo come nelle persone...e se a tutti gli effetti può darmi delle informazioni in merito alle conseguenze dell'asportazione..la ringrazio per la sua disponibilità ...
Risposta:

Purtroppo la mia competenza non si estende al campo veterinario, me ne scuso.

25-10-2006 12:05

sospetto granuloma eosinofilo vertebrale

Gentile dottore, la ringrazio per la celere risposta,la bambina è seguita dal Prof.Virdis della pediatria di Parma che peraltro mi ha detto di conoscerla e che in realtà lei è operativo anche a Pavia. Altre sedi di localizzazione non sono definitivamente escluse in quanto per adesso sono state fatte solo rx rachide cervico-dorsale e Risonza magnetica della colonna oltre ad esami completi del sangue. La bambina dopo il dolore locale per circa 1 mese a luglio-agosto ora è in buona salute e il dolore è scomparso. Se lavora anche a pavia mi piacerebbe prenotare una visita per discutere del caso con lei. Cordiali saluti Grossi alessandro
Risposta:

Gentile Signor(a) Grossi, conosco Virdis anche se non ci siamo sentiti per il vostro problema. Tenga copnto che a Parma anche il Dr. Izzi e' certamente esperto di istiocitosi oltre che mio ottimo amico. Potreste sentire anche lui. Ormai non vado praticamente piu' a Pavia per cui non credo sia faceile organizzare di vederci la'. Ma rimaniamo comunque in contatto stretto! Buona giornata, MA

25-10-2006 12:05

cura granuloma eosinofilo

Egr. Dott. Arico', ho avuto modo di contattarla telefonicamente oltre due anni fà in merito alla mia malattia, inviando anche una mail. Volevo informarla che la MOC evidenzia dal 1995 ad oggi un esito che richiede l'intervento di farmaci. Ho assunto dapprima bustine di sandoz, poi ho fatto le punture di clasteon ed ora prendo Actonel 35 + Natecal D3. Associo alla cura anche l'attività fisioterapica e attività fisica in piscina. Al momento la malattia non è più presente ma curo gli esiti delle varie fratture. Vorrei sapere se è tipico (per il granuloma o lch) che la Moc dia esito non positivo per cos' lungo tempo nonostante la malattia sia regredita spontaneamente dal 1998?. Ritiene che sia necessario fare altre cure? Ho 34 anni, ci sono dei casi in cui la malattia è ricomparsa in età adultà ? Nel ringraziare per l'attenzione riservata, porgo distinti saluti. Giorgio Oggianu (Sardegna)
Risposta:

Caro Sig. Oggiano, la malattia non dovrebbe lasciare una osteopenia diffusa, mentre possono residuare zone di rarefazione ossea nella sede di pregeresse lesioni osteolitiche. Se crede, mi mandi pure (FAX 091-6666-001) copia dei referti MOC in maniera da capire se il problema e' diffuso o focale.

25-10-2006 12:05

Dottore, sono rimasta colpita

Dottore, sono rimasta colpita da molti aspetti della ICL che conoscevo solo tramite i libri ma non tramite le persone. Sto facendo ricerche per la mia tesi di laurea in odontoiatria riguardo al granuloma eosinofilo, quindi le chiederei soltanto qualche consiglio: che importanza può avere l'odontoiatra in questa malattia e con che frequenza viene realmente coinvolto? Mi rendo conto che non sono un paziente, ma ho visto che lei è molto gentile e disponibile! La ringrazio.
La domanda è stata approvata. Siamo in attesa della risposta.

25-10-2006 12:05

Mio figlio tre anni fa,

Mio figlio tre anni fa, all'età di nove anni, è stato operato al cranio per l'asportazione di un granuloma eosinofilo. Da qualche giorno a seguito di una malattia infettiva (salmonella minore), sono comparse diverse afte in bocca e succesivamente un eritema nodosso alle gambe. Vi chiedo se può esserci una relazione tra granuloma ed eritema.
Risposta:

L'eritema nodoso non fa parte della malattia ma le afte potrebbero in qualche modo farne parte. E' importante che il piccolo sia visto da un pediatra ematologo-oncologo esperto della malattia per vedere se tra le due cose ci sono connessioni. Se crede, posso darvi qaulche indicazione di un centro esperto vicino alla vostra residenza.

25-10-2006 12:05

Egr Dottore mio fratello ha

Egr Dottore mio fratello ha 31 anni, in seguito ad un incidente in macchina gli hanno effettuato una rx al cranio e gli hanno trovato una macchia scura sul lato destro del cranio. Il nostro medico di famiglia ci ha consigliato di effettuare una tac, dalla tac (senza contrasto) risulta un granuloma eosinofilo sul lato destro del cranio proprio a livello dell'osso! Ora deve effettuare una visita dal neochirurgo ma il nostro medico insiste nel dire che il granuloma va tolto tramite un intervento. Io leggendo le sue risposte ho notato che lei in tutti i casi sconsiglia l'intervento e anche noi saremmo ben contenti di poterlo evitare.E' possibile che non vi siano alternative? Non è possibile asportarlo in un altro modo? Le sarei davvero grata inoltre se potesse consigliarci un medico preparato sull'argomento perchè in questo momento non sappiamo a chi dare retta e come comportarci, fino ad ora le visite le abbiamo effettuate al San Gerardo di Monza e domani abbiamo un appuntamento al Policlinico di monza con un neochirurgo. In attesa di una sua risposta la ringrazio per la disponibilità . Distinti saluti
Risposta:

Si puo' chiedere al neurochirurgo di fare una biopsia senza togliere tutto l'osso interessato. Questo permette di fare la diagnosi e lasciare spazio all'osso di riformarsi col tempo, senza bisogno di togliere una parte ampia di osso magari ricorrendo ad una placca o altro che poi rimarrebbe a vita.

25-10-2006 12:05

Egregio Dottore,ho 21 anni,

Egregio Dottore,ho 21 anni, in seguito ad una rx al cranio mi è stato diagnosticato un granuloma eosinofilo.. non essendo pienamente soddisfatto del parere dei vari dottori che ho consultato vorrei rivolgermi ad un centro specializzato. Abito ad Ascoli Piceno, saprebbe indicarmi uno specialista, o il centro specializzato più vicino? Grazie mille ,saluti, Marco
Risposta:

Puo' rivolgersi al Dr. Pierani ad Ancona ovvero a Bologna al Prof. Pession, entrambi esperti in oncoematologia pediatrica. Mi faccia sapere!

25-10-2006 12:05

Buona sera, sono la mamma di

Buona sera, sono la mamma di un bimbo di 9 anni e 3 mesi che lo scorso anno (marzo 2005) è stato operato c/o il Meyer reparto di neurochirurgia ad un granuloma eosinofilo alla teca cranica (a six poco sopra meninge) . Dopo un mese dall'intervento (asportazione del granuloma di circa un cm e ricostruzione dell'osso), perfettamente riuscito, abbiamo fatto il controllo ed il neurochirurgo disse che il bambino era perfettamente guarito e non doveva fare assolutamente alcuna cura. 10 giorni fa il bimbo mi ha riferito che durante il sonno ha picchiato la testa nella "testata" del letto. Visto che il dolore non passava ed era venuto fuori un piccolo "bozzolo", ho pensato d fargli fare una radiografia dove il medico ha evidenziato una leggera area osteolitica al vertice.. Chiaramente siamo andati subito al Meyer dove il neurochirurgo ha visitando il bambino e confrontando la tac dell'anno precedente, la radiografia ultima ci ha abbastanza tranquillizzato dicendoci che secondo lui era un autentico "bernoccolo". Per sicurezza ci ha consigliato di fare una tac con studio per osso. Volevo chiederLe.. con quale percentuale (visto che mi hanno detto che è rarissimo che si ripresenti) un granuloma eosinofilo possa ripresentarsi? Quali controlli precauzionali posso far fare al bambino? Sin da piccolo ha sempre avuto le IGE altissime, senza mai riuscire a trovare la causa (esami per allergie di ogni genere!!)... Può essere una conseguenza questa? Come tutte le mamme di questo mondo sono preoccupatissima... Per cortesia mi aiuti!! La ringrazio infinitamente. Nadia.
La domanda è stata approvata. Siamo in attesa della risposta.

25-10-2006 12:05

Gentilissimo Dottore, la

Gentilissimo Dottore, la ringrazio innanzi tutto per la risposta. Ieri 22.02. siamo tornata al Meyer per fare la Tac al bambino(granuloma eosinofilo alla teca cranica operato lo scorso anno)... i medici chiaramente non si sono pronunciati più di tanto perchè devono confrontare la tac dello scorso anno e radiografie ultime che abbiamo fatto in seguito alla comparsa del "bozzolo". La dottoressa comunque mi ha detto che molto probabilmente si vede questa area osteolitica... Lo scorso anno il bambino fece tutti gli esami del caso.. radiografie in tutto il corpo, ecografia dgli organi e dopo l'intervento gli venne fatta anche la scintigrafia ossea . Anche quest'ultima dava risultati negati. Volevo chiederle.. Dobbiamo rioperare di nuovo il bambino oppure possiamo intervenire con una terapia farmacologica? Questa malattia se la porterà dietro per tutta la vita? E' a rischio la vita? La ringrazio per di nuovo per la risposta. Nadia.
La domanda è stata approvata. Siamo in attesa della risposta.

25-10-2006 12:05

Granuloma eosinofilo

Gent.mo dott.,ho 33 anni e da più di un anno,ho un bozzo sulla retroteca cranica sx ke nn mi dà alcun disturbo se non quando spingo sulla parte, mi sono rivolto al mio medico curante ke mi ha prescritto dapprima un'ecografia ke nn ha rilevato assolutamente nulla, successivamente una radiografia ke ha invece evidenziato un'area osteolitica ovoidale di cm3x2 a contorni finemente irregolari cosଠmi sono rivolto al neurologo ke ovviamente mi ha consigliato la rm con contrasto ke ha confermato quello ke c'era nell'rx e cioè:in corrispondenza diploe parietale sx, erosione-rimodellamento con divaricazione dei tavolati esterna di interno(???) a segnale disomogeneamente ipotenso caratterizzato da qualke disomogeneità della struttura interna,da notevole impregnazione dopo contrasto,sui si accompagna una modestissima reazione durale.Apprezzabili anke per il flusso verosimilmente rallentato,vasi venosi di drernaggio peraltro di calibro regolare.Il quadro appare in prima istanza riferibile a granuloma eosinofilo.Sistema ventricolocisternale in asse, a morfologia conservata, non dilatato.Non aree di patologico segnale a carico del parenchima cerebrale,la somministrazione del contrasto, non modifica il quadro.Mi scusi se le ho descritto x intero il risultato della rm all'encefalo ma, sono preoccupato fino a quando non andro' dal neurochirurgo.Leggendo le sue risposte on line egregio dott, vorrei gentilmente anke il suo parere sulle terapie da fare, di cosa si tratta e se si puo' guarire da questo tipo di malattia e se e' necessario l'intervento chirurgico, mi trovo a bari e vorrei sapere in ke mani andare, e' una cosa grave?Mia moglie e' piu' terrorizzata di me, tra l'altro ho donato il sangue due settimane fa ed era tutto nella norma a parte la fosfatasi alcalina al di sotto della norma(23), potrebbe essere correlata al tipo di patologia in questione?Potro' continuare a giocare a calcio?Aspetto una cortese risposta, mi scusi per l'invadenza arrivederci.
Risposta:

Carissimo, stia tranquillo, fara' una vita normale! Deve andare da un buon neurochirurgo. Puo' parlare con il suo medico curante per farsi consigliare. Deve essere fatto un intervento MOLTO RIDOTTO. NON DEVONO TOGLIERE LA SQUAMA DI OSSO! Bisogna solo pulire la zona di erosione e fare la diagnosi istologica. Se il suo medico ha dubbi mi faccia chiamare. Se non siete tranquilli sulla scelta del neutrochirurgo, ne scegliamo uno insieme. NON c'e' urgenza!! Tranquillizzi sua moglie, non e' una cosa grave! Auguri, mi faccia sapere!

25-10-2006 12:05

Granuloma eosinofilo...

Gentilissimo dottore, ringraziandola innanzitutto x la cortese risposta, mi scuso x esserle sembrato troppo apprensivo ma, purtroppo abbiamo da poco xso mia suocera forse x non essere stati abbastanza tempestivi nel farla sottoporre + spesso a controlli e quindi adesso anke x una cosa apparentemente banale come la mia, siamo subito allarmati comunque, ho fatto vedere l'rmn a due neurologhi ke quasi senza guardarla, mi hanno detto di tornare a controllare il granuloma fra 4 mesi e di nnpreoccuparmi xkè non è nulla, in effetti questa è un'ipotesi considerando ke ce l'ho da + di un anno credo...ma comunque vorrei il parere di un bravo neurochirurgo (come lei stesso mi suggeriva) e vorrei cortesemente sapere se ne conosce uno a Bari a cui posso rivolgermi e essendo ignorante in materia, vorrei anke se possibile ke lei mi spiegasse se la biopsia serve a confermare se ci sono cellule maligne o se il granuloma stesso può degenerare col passare degli anni se non si interviene ed infine se esiste la possibilità ke possa guarire spontaneamente senza cure.Mi scusi ancora x l'invadenza, pubblico il mio indirizzo e-mail se le è + comodo rispondermi,grazie mille x la sempre cortese disponibilità arrivederci, barbysantos@libero.it
La domanda è stata approvata. Siamo in attesa della risposta.

25-10-2006 12:05

Curretage.

Vorrei gentilmente sapere a ki posso rivolgermi competente in materia di istiocitosi a Bari, visto ke mi hanno diagnosticato dopo una risonanza,un granuloma eosinofilo al cranio noto ke consigliate a tutti di toglierli chirurgicamente, vorrei quindi ke mi indirizzaste in buone mani, ho 35 anni, potreste dirmi se l'intervento di currettage avviene in anestesia totale e se è noprmale un granuloma a questa età e ke differenza c'è con la cisti ossea? Grazie mille anticipatamente x l risposta, Leo.
Risposta:

Caro Leo, si tratta di una "cisti" dell'osso, fatta di tessuto infiammatorio, non tumorale. Pulirlo chirurgicamente serve a fare guarire piu' rapidamente. NON conosco bene i neurochirurghi della sua zona. Se vuole anadre fuori zona, puo' andare anome mio dal Prof. Lorenzo Genitori, a Firenze. E' necessaria una anestesia, anche se breve, per fare il lavoro con calma e la cura necessaria. Auguri!

25-10-2006 12:05

Per il dott.Aricò

Buongiorno dott.Aricò, spero di non seccarla se le riscrivo, lo faccio solo per dirle ke successivamente alla mail ke le avevo spedito qui di seguito il 10 maggio ultimo scorso, ho contattato il dott.Ferranini neurologo presso la clinica Madonnina e al Policlinico di Bari ke mi ha rimandato per un nuovo controllo tramite rx o rmn a settembre x il granuloma unico nella zona retro/superiore del cranio, dicendo ke non si tratta di niente di grave e non richiedendo quindi ulteriori esami tipo tac all'intero scheletro e a agli organi x valutare un'eventuale istiocitosi diffusa, forse xkè non ho mai accusato alcun disturbo fisico o xkè dono il sangue ogni sei mesi non saprei, volevo soltanto chiederle se posso attenermi a quello che dice Ferranini o se devo rivolgermi al dott.Santoro dell'ospedale pediatrico come ha consigliato ad altri ke abitano nella mia stessa città x, le avevo anke scritto ke pratico il calcio e finora non ho mailamentato alcun disturbo se non la solita stanchezza quando torno a casa la sera dopo 10 ore di lavoro fisico...ci sono sintomi particolari ke compaiono in caso di istiocitosi a più organi? La ringrazio ancora x la sua cortesia, Vincenzo.
Risposta:

Gent. dott. Aricò, in seguito al suo consiglio ho contattato il dott.Santoro ke vedrò lunedଠprossimo alla clinica pediatrica di Bari, grazie ancora per la cortesia arrivederci, Vincenzo.

25-10-2006 12:05

Aiuto!

Buonasera ho 35anni e a seguito di una radiografia il medico di base mi ha trovato un verosimile granuloma eosinofilo alla testa di quasi 4cm, sinceramente non avrei mai pensato di ammalarmi di una cosa del genere perche' eseguo ogni anno analisi del sangue completi e scoppio di salute,anzi, ho da poco iniziato una dieta perchè sono in sovrappeso di quasi 10 kg e il mio problema pare sia sempre secondo il mio medico, questo senso di forte appetito, lui dice dice che mi devo operare immediatamente essendo questo un tumore benigno, capirà la mia disperazione visto che mi è stata data questa notizia dalla sera alla mattina senza ulteriori spiegazioni, cosa devo fare? Sono terrorizzata,Paoletta Revi-Foggia.
La domanda è stata approvata. Siamo in attesa della risposta.

25-10-2006 12:05

Gentile Professore,ho 49

Gentile Professore, ho 49 anni. 14 mesi fa per un banale controllo relativo ad una sinusite mi è stato evidenziata con una lastra una 'rarefazione' dell'osso parietale destro con un diametro max di 1 cm. In seguito a TAC e scintigrafia mi è stata diagnosticato una probabile lacuna vascolare congenita e mi è stato consigliato di rifare una lastra dopo circa 1 anno. L'ho rifatta pochi giorni fa e la zona si è ingrandita. Rifatta scintigrafia (sempre negativa) e TAc (ingrandimento del 30%). Mi hanno consigliato di rivolgermi al Centro ematologico del policlinico Umberto 1° dove ho fatto numerosi accertamenti per escludere un mieloma. Ho anche fatto raggi x a tutto lo scheletro e non si sono evidenziate altre zone simili.A questo punto l'ipotesi più probabile è quella di un granuloma eosinofilo. Non ho nessuna sintomatologia che possa essere riferita a questo problema (ho alcuni scompensi ormonali e disturbi cardio-circolatori probabilmente legati all'imminente menopausa). Potrebbe indicarmi un Centro specializzato e in particolare un Neuro chirurgo a cui rivolgermi? Secondo lei devo fare una biopsia o prevedere direttamente un intervento per 'pulire' la zona? (nelle sue risposte spesso raccomanda di non fare interventi troppo invasivi). La ringrazio e le invio cordiali saluti Lorenza di Roma
La domanda è stata approvata. Siamo in attesa della risposta.

25-10-2006 12:05

Buongiorno caro dottore,a

Buongiorno caro dottore,a fine mese farò una tac x controllare un granuloma sulla parte alta del cranio, per ora il medico mi ha detto di controllarlo solo radiograficamente, vorrei sapere da lei se alcuni fenomeni che accuso ultimamente possano essere un aggravamento della malattia: un dolore ad un dente che passa e dopo alcuni giorni si ripresenta,dove il mio dentista non ha trovato nulla nè gengive ingrossate nè carie,una forte dermatite seborroica sul cuoio capelluto che passa con un unico shampo adatto e spesso gola infiammata e tosse. Per il resto gli analisi vanno nella norma perchè sono donatore Avis, sono un pò in sovrappeso e accuso spesso senso forte di appetito,potrebbe gentilmente dirmi se questi sintomi sono imputabili alla malattia che in realtà non mi hanno ancora diagnosticato con una biopsia ma solo con una risonanza?Grazie per la pazienza a risentirla.
La domanda è stata approvata. Siamo in attesa della risposta.

25-10-2006 12:05

bambino di anni 9

Gentile dottore,hanno diagnosticato a mio figlio un granuloma eosinofilo,che gli porta un infiammazione alla teca cranica.Premesso che lo asporteranno chirurgicamente,quali rischi corre il mio bambino?Quanto tempo ci vuole per la convalescenza ,e la sua vita sara' come prima ? o avra' dei cambiamenti .Il bambino e' affidato alle cure nell'ospedale burlo garofolo di trieste.grazie da una mamma ansiosa :)
Risposta:

Gentile signora, i colleghi di Trieste sono molto esperti e sapranno condurre al meglio la cura del suo piccolo. La sua vita' potra' con ogni probabilita' essere rapidamente la stessa di prima. E' possibile in futuro ci sia una seconda localizzazione ma non si preoccupi perche' questo non inficia nulla nella prognosi ne' nella qualita' di vita. Stia tranquilla!

25-10-2006 12:05

Daniele Catalano

Buongiorno Dottore. Ho avuto un granuloma nel sacco scrotale che è stato tolto chirurgicamente. Vorrei sapere se si tratta di forme tumorali, quali sono le cause e se c'è il rischio che si riformi. Grazie. Daniele
Risposta:

Buongiorno caro dottore,a fine mese farò una tac x controllare un granuloma sulla parte alta del cranio, per ora il medico mi ha detto di controllarlo solo radiograficamente, vorrei sapere da lei se alcuni fenomeni che accuso ultimamente possano essere un aggravamento della malattia: un dolore ad un dente che passa e dopo alcuni giorni si ripresenta,dove il mio dentista non ha trovato nulla nè gengive ingrossate nè carie,una forte dermatite seborroica sul cuoio capelluto che passa con un unico shampo adatto e spesso gola infiammata e tosse. Per il resto gli analisi vanno nella norma perchè sono donatore Avis, sono un pò in sovrappeso e accuso spesso senso forte di appetito,potrebbe gentilmente dirmi se questi sintomi sono imputabili alla malattia che in realtà non mi hanno ancora diagnosticato con una biopsia ma solo con una risonanza?Grazie per la pazienza a risentirla.

25-10-2006 12:05

granuoma apicale

Ho subito la devitalizzazione di un dente, ma un canale non è stato ripulito fino all'apice e ciò mi ha causato la nascita di un granuloma apicale. Dopo ben un anno, il dente è stato devitalizzato correttamente, ma il granuloma si è "risvegliato", causandomi non pochi problemi. E' indispensabile un intervento o è sufficiente una cura antibiotica mirata, e soprattutto, la presenza di questa infiammazione cronica può precludere una gravidanza?
La domanda è stata approvata. Siamo in attesa della risposta.